Vero o falso? Miti e leggende sulla Pasta

miti e leggende sulla pasta

Vero o falso? Miti e leggende sulla Pasta

Protagonista incontestata della nostra alimentazione, la pasta è anche al centro di molti miti e credenze, che hanno qualche volta un fondo di verità ma spesso sono solo frutto di fantasia popolare. Proviamo ad analizzarne i principali e a  sfatarne qualcuno:

Se mangio pasta tutti i giorni rischio di ingrassare: FALSO

Eliminare la pasta dalla propria alimentazione non è una scelta opportuna se si vuole perdere qualche chilo di troppo o mantenere la linea. I carboidrati e le proteine di cui è ricca la pasta, donano importanti energie per affrontare la giornata al meglio, oltre ad apportare le sostanze nutritive importanti per il sostentamento quotidiano. Ciò che tuttavia è utile è piuttosto non esagerare con le porzioni e stare attenti ai condimenti: verdure, pomodoro fresco e sughi leggeri sono indubbiamente da preferire rispetto ad abbinamenti maggiormente calorici.

La pasta è molto più calorica del riso ed è da preferire nella dieta: FALSO

Tra le credenze più in voga sicuramente figura quella che il riso sia molto più leggero rispetto alla pasta e quindi che un bel piatto di riso faccia “dimagrire”. In realtà, pasta e riso sono molto vicini dal punto di vista delle calorie e dei carboidrati.

Cuocere a lungo la pasta la rende più digeribile: FALSO

In tal caso la realtà è ben diversa: è quando i tempi di cottura sono rispettati e la pasta è ben al dente che resta più digeribile. L’amido contenuto al suo interno viene assimilato in maniera più graduale e non si perdono le proprietà nutrizionali che restano ben integre. Inoltre, una pasta cotta tanto diventa difficile da masticare, rendendo arduo il lavoro di alcuni enzimi digestivi che iniziano il loro “lavoro”, la prima digestione, già durante la masticazione, affaticando di conseguenza lo stomaco e quindi la digestione.

La pasta fresca è più calorica rispetto a quella secca: VERO

La pasta fresca – che spesso è anche all’uovo – contiene un numero di calorie maggiori, 100 in più per 100g rispetto a quella secca. Quest’ultima, inoltre, rende indubbiamente di più in cottura, ad esempio 250g possono bastare per 4 persone, mentre il numero scende a 3 persone se si tratta di pasta fresca.

La pasta senza glutine non fa dimagrire: VERO

Se non si soffre di celiachia o intolleranza al glutine è sconsigliabile sostituire la pasta di grano duro con quella senza glutine. Al contrario, si rischia di sostituire i carboidrati complessi con i grassi, cosa che comporterebbe un maggiore apporto calorico e di conseguenza alcun dimagrimento.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

error: