Formati di Pasta e condimenti: come abbinarli?

formati di pasta e condimenti

Formati di Pasta e condimenti: come abbinarli?

Se è vero che la pasta piace proprio a tutti e che non è semplice realizzare un abbinamento che la renda poco gustosa, è anche vero che per ogni formato di pasta c’è una tipologia di condimento che meglio ne esalta gusto e resa finale. Vediamo dunque quali sono le “coppie perfette” e come abbinare al meglio formati e condimenti in base alle peculiarità che li caratterizzano.

Le “regole” degli Chef sono:

  • Con formati grandi condimenti più corposi e articolati.
  • Scolare la pasta qualche istante prima del raggiungimento della cottura desiderata e mantecarla insieme con il condimento, si otterrà così un piatto ben amalgamato nei sapori.
  • Usare ingredienti stagionali e di ottima qualità per una resa perfetta della pietanza.

I nostri consigli:

  • Durante la cottura della pasta aggiungete all’acqua una foglia profumata di basilico, esalterà il sapore e il profumo della semola senza sovrastarli.
  • Aggiungete l’acqua di cottura durante la fase di mantecatura, l’amido rilasciato dalla pasta nell’acqua legherà sugo e pasta straordinariamente. Ovviamente non è necessario farlo con condimenti già particolarmente liquidi.

Formati di Pasta LUNGA: Spaghetti, Linguine, Bucatini…

La pasta nasce lunga! Il primo formato prodotto dai nostri antenati secoli fa? Lo Spaghetto.
Sarà forse per questo motivo che i formati di pasta lunga sono in assoluto i più versatili e i più consumati.

Adatti pressoché ad ogni condimento, dai sughi a base di pomodoro, di verdure o con semplice aglio e olio, ai sughi corposi e filanti resi cremosi da formaggi di ogni tipo. La pasta lunga è perfetta anche con condimenti a base di pesce, frutti di mare e crostacei.

Il nostro suggerimento:

I legumi vanno mangiati regolarmente si sa, ed il sapore deciso di questo prodotto non si cambia, quello che si può cambiare però è il formato di pasta da abbinarvi. Oltre al classico Tubetto provate a cucinare con i legumi Linguine o Fresine, che avrete precedentemente spezzato a crudo in pezzi lunghi pochi centimetri. Togliete la pasta dalla pentola circa 1 minuto prima del raggiungimento della cottura desiderata e impiattatela, fatela raffreddare e rapprendere leggermente – a Napoli si dice “farla riposare”, una spolverata di peperoncino e servite.

Formati di Pasta LISCI: Ziti, Penne…

Questo tipo di pasta è ideale per primi piatti a base di sughi di ortaggi e verdure, come melanzane e zucchine, per una variante gustosa che si presta bene al formato basta aggiungere formaggi filanti, la resa finale sarà più compatta e molto saporita.
Se si parla di pasta corta non si può non menzionare il piatto per eccellenza della cucina italiana: le penne al pomodoro. Non c’è ristorante al mondo che non le proponga e nelle case italiane ogni famiglia le mangia a modo suo: chi la preferisce con parmigiano e chi senza , chi aggiunge il basilico, chi cucina il sugo con la cipolla e chi con l’aglio.
Insomma non c’è un modo prestabilito e corretto per mangiare questa pietanza, l’unica certezza è che ovunque ci troviamo, con un piatto di penne al pomodoro ci sentiamo subito un po’ più vicini a casa.

Il nostro suggerimento:

Scolate con cura la pasta prima di unirla al condimento e fate rapprendere bene i sughi.

Piccola curiosità:

E’ pensiero comune che la pasta liscia non trattenga i sughi adeguatamente, ma non è così. La trafilatura al bronzo rende la superficie ruvida e porosa creando su di essa impercettibili solchi, il risultato è l’assorbimento e la perfetta tenuta dei condimenti. Del resto sono i maccheroni lisci i veri ed unici predecessori di tutte le paste corte.

Formati di Pasta RIGATI: Pennette, Rigatoni, Gnocchi Rigati…
La rigatura consente di trattenere bene il condimento e quindi la rende perfetta per quelle pietanze a base di sughi corposi e granulosi, come i ragù. Le sottili rigature trattengono i condimenti, rendendo ogni forchettata decisamente saporita.

Il nostro suggerimento:

Provate a farcire Rigatoni o Elicoidali con un ragù di verdure di stagione, spolverate la superficie con del pan grattato, un po’ di panna o besciamella per farli compattare insieme e infornate.

Formati di pasta RICURVI: Fusilli, Fusilli Corti Bucati, Casarecce…

Questi formati, grazie alle molteplici incurvature, “incastrano” e trattengono all’interno di esse tutti gli ingredienti che compongono il condimento. Particolarmente adatti a ragù di carne e verdure, sono perfetti anche con sughi semplici di pomodoro e di ortaggi.

Il nostro suggerimento:

Una variante leggera per l’Estate ma molto saporita è il Fusillo Corto Bucato con olive e capperi.
Un altro piatto fresco e colorato? Casarecce ai peperoni gialli e rossi, da aggiungere magari a crudo direttamente mentre si condisce.
E infine un primo piatto per tutte le stagioni e veloce da preparare, i Fusilli con la ricotta. Una tip per i più golosi: amalgamate del sugo di pomodoro nella ricotta prima di condire.

PICCOLI FORMATI: Stelline, Farfalline…
I formati di pasta piccola accompagnano perfettamente brodi, vellutate di verdure e ortaggi e zuppe di legumi.

Il nostro suggerimento:

Condite il piatto finito con un filo di olio EVO a crudo, la pietanza avrà così un sapore ed un profumo fresco e genuino.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

error: